ORA SAPPIAMO CHE ANCHE LA TV CI SPIA!



Hai ancora qualcosa da nascondere? Altroconsumo dimostra che anche con le smart tv possiamo venire costantemente spiati. Ormai non c'è scampo, siamo sempre più controllati. E così ognuno acquista il privilegio di essere ascoltato...


È proprio un mondo alla rovescia. Tu pensi di startene seduto sul divano a contemplare quei puntini luminosi, proiezione di una realtà più o meno reale dall'altra parte dello schermo. E invece sono "loro" a guardare te. Ti osservano, conoscono i tuoi gusti e le tue abitudini. Attraverso la telecamera potrebbero addirittura vedere cosa fai, chi hai vicino, di cosa parli. Le nuove tecnologie, non si sa bene se per difetto progettuale o di proposito, prevedono la possibilità di farsi spiare, con modalità simili a quella praticabili da qualsiasi buon hacker sul web. Ormai c'è la certezza che non si tratta più del solito allarmismo che corre sulla rete.





Altroconsumo ha raccolto la segnalazione informale e ha provato vederci chiaro, verificandol'esistenza di un sistema di "spionaggio" su una Smart TV a marchio LG. Ma non è la marca che conta, l'associazione di consumatori non esclude che il problema si verifichi in altri apparecchi.



LG ha annunciato di aver risolto il problema, come fece Samsung alcuni mesi fa, ma la manipolabilità tecnica permane. Nel 2012, sono stati venduti 67 milioni di esemplari di smart tv, un mercato destinato a raggiungere gli 85 milioni di pezzi entro la fine di quest’anno.



Presto ce l'avremo tutti la tv col touch screen e l'universo di internet a portata di mano. Dobbiamo farci i conti.



Questa intrusione intollerabile viene favorita dall'universo digitale e rappresenta la fine di un'era.



Quella della passività, dei sistemi verticali, degli intermediari. Ormai siamo tutti cittadini attivi, diciamo sempre qualcosa, dal volgare chiacchiericcio di Facebook, ai sussulti digestivi in poltrona. Nel momento in cui ci colleghiamo, al telefono, sul web o in tv, sappiamo che ci troviamo in mezzo a una piazza dalle proporzioni ben più grande del crocicchio di paese.



Saremo tutti spiati, inevitabilmente. Chi rivendica il diritto alla privacy ormai fa solo ridere.


La domanda semmai non è se siamo spiati, ma da chi, e per quale motivo.



Per indovinare i gusti, vendere prodotti, creare consenso? Anche questo resta un mistero. Nella finta democrazia del web c'è ancora spazio e intelligenza per queste domande?



In tutta onestà credo che dovremmo occuparci presto di cose ben più serie come alluvioni, povertà, crisi energetica.



Chi ancora si gingilla con lo spionaggio e con la storia della privacy sta solo perdendo tempo. La morale di questa storia è una conferma: non si può non comunicare o evitare di entrare in relazione. Cerchiamo almeno di dire qualcosa di interessante!











Gabriele Bindi



http://www.aamterranuova.it/Blog/Note-Selvatiche/Ora-sappiamo-che-anche-la-tv-ci-spia


http://compressamente.blogspot.it/2014/07/ora-sappiamo-che-anche-la-tv-ci-spia.html





http://realtofantasia.blogspot.it/2014/07/ora-sappiamo-che-anche-la-tv-ci-spia.html#more

Nessun commento:

loading...