DEMOLITO IL CANONE RAI IN BOLLETTA! DA MARTEDI’POTREBBERO RESTITUIRTI I SOLDI ESTORTI !!!



In questi giorni gli italiani si sono trovati il canone Rai nella bolletta elettrica: 70 euro, per il computo del primo semestre. Soldi
che, forse,potrebbero tornare nelle vostre tasche. Da che è stata ideata in questo modo, la gabella è stata contestata con veemenza, in particolare dalle associazioni di consumatori. In questi giorni, inoltre, si è scatenato il caos per una serie di variabili denunciate da Rosario Trefiletti, presidente di Federconsumo: “Quel che sta succedendo – ha spiegato – era prevedibile in un Paese burocratizzato dove però non si registrano a volte i cambi di residenza per non parlare delle difficoltà create dalle seconde case e infine dai trasferimenti dei contratti tra un gestore elettrico e l’altro che ha creato ulteriore confusione”. In soldoni, la tassa ha creato il caos, situazioni dubbie, pagamenti indebiti e parecchi grattacapi.

E mentre le associazioni insistono sulla “impraticabilità” della tassa e sulla necessità di rivederla già dal prossimo anno, c’è chi è passato alle carte legali. Ed è questa l’iniziativa che potrebbe restituirvi i soldi versati a Viale Mazzini. Il Codacons, infatti, ha presentato al Tar del Lazio un ricorso contro il metodo di pagamento del nuovo canone Rai, e la pronuncia del Tribunale amministrativo è prevista per martedì. Il presupposto del ricorso è semplice, ed è basato sulla non legittimità dell’inserimento della gabella in bolletta perché l’imposta è legata al possesso dell’apparecchio televisivo, mentre le bollette servono per pagare un servizio. È stata dunque avanzata la richiesta di sospensione del provvedimento: se venisse accolto, le aziende elettriche potrebbero restituire ai cittadini la prima rata.

FONTE


fonte

7 commenti:

  1. e' un abuso che non doveva assolutamente passare,ma tant'e'...questa e' l'italia e gli italioti #iononlapago

    RispondiElimina
  2. Il servizio Rai deve gestire i soldoni che versano le imprese pubblicitarie e non i soldi dei cittadini che in nome di una legge medievale devono essere estorti senza consenso alcuno. Se una tassa è d'obbligo pagarla, occorre che il cittadino venga informato da un servizio pubblico gratuito. Non si può pagare due volte un servizio.

    RispondiElimina
  3. Ma la tassa su l'aria che respiriamo. A quando?
    E come pagarla?
    In natura?
    Siamo in attesa fateci sapere così ci prepariamo.

    RispondiElimina
  4. Ma la tassa su l'aria che respiriamo. A quando?
    E come pagarla?
    In natura?
    Siamo in attesa fateci sapere così ci prepariamo.

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. E l'iva sulla tassa della tassa e da pagare? Alla fine questo cass di canone quanto ci costa in più?

    RispondiElimina
  7. tutto ci cosrta sempre di più perchè fino ad òggi non siamo mai stati capaci di ribellarsi è ora di farla finita con cueste fregature.

    RispondiElimina